Croquembouche

Un dolce di grande effetto: l’ideale per stupire in occasioni importanti! Sembra difficile, ma in realtà le realizzazioni dei bignè e della crema non sono affatto impegnative. Un po’ più complesso è il gestire il caramello ma basta un po’ di pratica.

Ingredienti per realizzare i bignè.

Ingredienti per la crema pasticcera all’arancia.

Ingredienti per il caramello:

  • 250 g di zucchero
  • 0,05 ml di acqua

Procedura:

Iniziate a preparare i bignè (secondo le modalità indicate), poi metteteli da parte.

Preparate la crema pasticcera all’arancia (secondo le modalità indicate) e poi, utilizzando una sac à poche, farcite i bignè e riponeteli in frigorifero.

Preparate il caramello: mettete un pentolino sul fuoco con lo zucchero (1) e l’acqua (2), senza mescolare.

20180213_210415 (1) 20180213_210450 (2)

Lasciatelo sul fuoco medio-basso finchè non risulterà ambrato: ci vorranno circa 10 minuti (3). Poi dovreste immergere la base del pentolino in acqua fredda per pochi secondi per bloccarne la cottura e poi utilizzarlo. Io però mi trovo più comoda a lasciarlo sul fuoco bassissimo (al minimo del fornello più piccolo!), perchè tende ad indurirsi subito (una volta indurito bisogna comunque metterlo sul fuoco per ammorbidirlo nuovamente).

20180213_212259 (3)

A questo punto montate il dolce: immergete una parte di ogni bignè nel caramello e disponeteli in modo da realizzare un cono. Il caramello sarà il vostro collante (attenzione a non scottarvi con il caramello bollente!). L’interno del cono dovrebbe essere vuoto, ma io, per evitare inutili e spiacevoli crolli, metto qualche bignè anche all’interno in modo da rendere più stabile la struttura (4).

20180213_214133 (4)

Alla fine dovrete realizzare l’effetto “ragnatela” con il caramello: utilizzate una frusta, immergetela nel caramello e dopo aver scolato l’eccedenza, fatela girare attorno al cono di bignè. Realizzerete delle “ragnatele” perfette! (5).

20180213_214733 (5)

CONSIGLI: Naturalmente potrete riempire i vostri bignè con qualsiasi tipo di crema, magari utilizzandone anche due o tre differenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.