Muffin alla marmellata (per riciclare 2 albumi)

Sappiamo benissimo come riciclare gli albumi: siamo pieni di ricette, ma la maggior parte di esse ne prevede 3. In realtà gli albumi si possono anche congelare e questa sarebbe già una soluzione, ma quando mi è capitato di averne 2 da smaltire e di averne già altri surgelati, ho pensato ad una ricetta che li utilizzasse, senza il bisogno del terzo. Così ho provato questi muffin con la marmellata nell’impasto. Fantastici!

Ingredienti:

  • 2 albumi
  • 70 g di zucchero
  • 80 g di farina (0 o 00)
  • 20 g di fecola di patate
  • 3 cucchiai di marmellata (io ho usato quella di limoni)
  • 50 ml di olio di semi (io uso semi di girasole)
  • 1/2 bustina di lievito in polvere
  • granella di zucchero per decorare q.b. (a piacere)

Procedura:

Per realizzare i vostri Muffin alla marmellata (per riciclare 2 albumi) iniziate montando a neve ben ferma gli albumi, poi metteteli da parte.

In una ciotola mettete l’olio, lo zucchero, la marmellata, la farina, la fecola di patate, il lievito e mescolate con delle fruste elettriche.

Aggiungete poi gli albumi montati a neve e sempre con le fruste elettriche amalgamateli bene: servono le fruste perché il composto a cui aggiungerete gli albumi sarà granuloso e dovrete ottenere un impasto omogeneo.

Versate il composto negli stampini da muffin (io uso quelli in silicone, in caso contrario ricordatevi di imburrarli) e mettete in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti.

Dopo i primi 3 minuti di cottura aggiungete la granella di zucchero: è vero che non si dovrebbe aprire il forno durante la cottura, ma aprendolo all’inizio non interromperete la lievitazione e in questo modo i vostri zuccherini non verranno inglobati dal composto.

Lasciate freddare prima di estrarre dagli stampini; ed ecco i vostri Muffin alla marmellata (per riciclare 2 albumi), pronti per una colazione sprint o una piacevole merenda!

La Forchetta di rame, Muffin alla marmellata (per riciclare 2 albumi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.